0 0
Confettura di fichi: profumo d’estate

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
1 kg di fichi Peso al netto della buccia
400 gr di zucchero
1 limone
1 bicchiere di acqua

Informazioni nutrizionali

0.5g
Proteine
0.2g
Grassi
39.2g
Carboidrati
37.3g
Zuccheri
1.9g
Fibra
148
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Confettura di fichi: profumo d’estate

Una conserva profumata e vellutata per ricordare i sapori dell'estate appena trascorsa

  • 80 min.
  • 25 min.
  • 105 min.
  • Porzioni 0
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Anno dopo anno la confettura di fichi è l’ultima delle conserve con cui si chiude la stagione estiva e la mia dispensa appare colma di confetture e marmellate di ogni frutto e di ogni colore.

Il rosso delle ciliegie,

dei fichi d’india

e delle fragole,

il biondo delle  nespole

e del mandarino,

il giallo dei limoni.

Che siano fichi verdi o fichi neri da luglio a settembre la Sicilia è un giardino con alberi carichi di frutti dolci e succosi con i quali preparare una delle conserve più buone e, sicuramente, la mia preferita.

La confettura (non marmellata) di fichi è l’ideale per accompagnare un piatto di formaggi, per farcire torte e biscotti o semplicemente da spalmare sulle fette biscottate per una colazione piena di gusto.

Confettura di fichi: come farla in sicurezza

Come per tutti i prodotti che decidiamo di consumare in un periodo di tempo successivo alla loro preparazione è necessario stare attenti a due aspetti; modalità di preparazione e conservazione. Cliccate su link  Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico dove troverete utili consigli per una preparazione priva di rischi.

Fasi

1
Fatto

La prima operazione da compiere per la preparazione della confettura di fichi è riservata alla sanificazione dei contenitori. Erroneamente, nel linguaggio comune, si usa il termine "sterilizzazione", un trattamento che si effettua con apparecchiature professionali come le autoclavi che arrivano a temperature superiori ai 100°.
Iniziamo disponendo un canovaccio sul fondo di un tegame dai bordi alti, adagiate i vasetti sul fondo e fate correre un panno tra i barattoli cosicché non possano rompersi battendo tra loro durante la bollitura.
Riempite il tegame con acqua così da sommergere completamente i vasetti e portate ad ebollizione per 50 minuti circa dopo i quali immergerete anche le capsule e lascerete bollire per altri 10 minuti. Trascorso il tempo, per non vanificare il processo di sanificazione, lasciate i barattoli immersi nell'acqua fino a farli intiepidire quindi tirateli fuori dalla pentola pochi minuti prima di riempirli con la confettura; questo eviterà che lo shock termico con il prodotto bollente possa provocare qualche lesione al vetro.

2
Fatto

Prendete i fichi ben maturi, lavateli, eliminate la buccia, tagliateli in pezzi grossolani e metteteli in una pentola.

3
Fatto

Aggiungete il bicchiere d'acqua e la scorza grattugiata del limone e mescolate.

4
Fatto

Accendete il fuoco e cuocete per 10 minuti; riducete i fichi in poltiglia schiacciandoli con una forchetta e mescolando allo stesso tempo.

5
Fatto

A questo punto passate la polpa con un passapomodoro per raffinare la confettura, pesatela, aggiungete 400 gr di zucchero per ogni chilogrammo e mescolate.

6
Fatto

Rimettete sul fuoco, fate addensare leggermente mescolando senza interruzione ed eliminando con una schiumarola la formazione di eventuale schiuma. Non appena inizia la fase di addensamento è consigliabile abbassare la fiamma per evitare che lo zucchero possa caramellizzare e conferire alla confettura un colore bruno.

7
Fatto

Spremete e filtrate il succo del limone e versatelo nella composta facendo cuocere per altri 5 minuti. La confettura sarà pronta quando, mettendone un cucchiaino su un piattino inclinato, scivolerà lentamente.

8
Fatto

Spegnete il fuoco e, ancora bollente, versatela nei vasetti sanificati e asciutti e tappateli ermeticamente avendo cura di pulire il collo del barattolo con della carta assorbente. Ricordatevi di non riempire fino all'orlo il barattolo ma di lasciare almeno 1 cm (il c.d. spazio di testa), necessario perché si generi il sottovuoto all'interno del contenitore.

9
Fatto

Non appena tappati rigirate i vasetti sottosopra perché si crei il sottovuoto. Lasciateli in questa posizione per almeno 12 ore quindi capovolgeteli. Il sottovuoto sarà avvenuto correttamente se la capsula apparirà concava (cioè con la superficie incurvata e rivolta verso la parte interna del contenitore) e premendola non sentirete il classico click-clack.

10
Fatto

Conservate la confettura in un posto fresco al riparo da fonti di luce e calore. Una volta aperta consumatela nell'arco di 1 settimana avendo cura di conservarla in frigo.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
granita al cioccolato
precedente
Granita al cioccolato: dolce granita siciliana
stoccafisso alla messinese a ghiotta
prossima
Stoccafisso alla messinese a ghiotta

Aggiungi il tuo commento