0 0
La marmellata di mandarino è la conserva ideale per gli amanti dei sapori agrumati dell'inverno.

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
1 kg di mandarini bio
600 gr di zucchero
il succo di 1/2 limone

Informazioni nutrizionali

0.5g
Proteine
0.2g
Grassi
49.4g
Carboidrati
49.4g
Zuccheri
1g
Fibra
189
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Marmellata di mandarino: profumi da spalmare

Voglia d’inverno e di sentori agrumati anche in piena estate? Prova questa profumata marmellata…ed è anche semplice da fare

  • 30 min.
  • 60 min.
  • 90 min.
  • Porzioni 0
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

marmellata di mandarino

La marmellata di mandarino è la conserva ideale per gli amanti dei sapori agrumati dell’inverno.

Per me, che sono una maniaca di conserve confetture e marmellate fatte in casa, quella di mandarino è tra le preferite. Conserve e confetture fatte come si facevano una volta secondo la ricetta della nonna. Soltanto 3-4 ingredienti senza aggiunta di conservanti o additivi chimici e la sicurezza di portare in tavola prodotti quanto più possibile naturali.

La base di partenza è costituita da mandarini rigorosamente bio, visto che le bucce dei frutti vanno cotte e mescolate insieme alla polpa. Bastano poi un po’ di zucchero e il succo di ½ limone e, anche in piena estate, sarà possibile preparare delle magnifiche crostate o “spalmare un po’ d’inverno” su una fetta di pane abbrustolito per una colazione piena d’energia.

Come si prepara la marmellata di mandarino

Dal video qui sopra potete vedere quanto sia facile fare questa conserva così profumata. Vediamo allora quali sono i piccoli ma importanti accorgimenti per avere un buon risultato.

La prima cosa da fare è quella di procurarsi dei frutti bio e non trattati con sostanza chimiche. Questo dipende dalla circostanza che le bucce, dopo essere state sbollentate un paio di volte, vanno tritate in un mixer e aggiunte alla polpa privata dei semi.

Messo tutto in pentola si cuoce a fiamma media per circa 40 minuti. Dopo aver aggiunto lo zucchero e il succo di limone si  mescola  fino al raggiungimento della consistenza corretta. Ve ne accorgerete facendo la classica prova del piattino su cui la marmellata scivola lentamente senza colare.

Attenzione particolare deve essere rivolta alla sanificazione dei barattoli. Collegatevi a questo indirizzo:

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2176_allegato.pdf

dove troverete le linee guida per una sicura pulizia di barattoli e capsule.

Non v’è venuta voglia di assaggiare questa marmellata? E allora date uno sguardo anche a:

ricetta marmellata mandarino

Nota: ricetta pubblicata ad Marzo 2018  e aggiornata ad Agosto 2020.

Fasi

1
Fatto

Lavate per bene i mandarini strofinandoli con una spugna ruvida.

2
Fatto

Sbucciateli eliminando i filamenti interni, i semi e tagliate gli spicchi a metà.

3
Fatto

Mettete le bucce in una pentola e fate bollire per almeno 10 minuti. Ripetete l'operazione con acqua pulita.

4
Fatto

Lasciate raffreddare leggermente, sminuzzate le bucce con un frullatore e unitele alla polpa.

5
Fatto

Versate polpa e bucce in una pentola capiente, aggiungete il succo del limone, lo zucchero e mescolate.

6
Fatto

Accendete il fuoco e fate cuocere per almeno 40 minuti, mescolando spesso, fino al raggiungimento della consistenza dediderata. Se la polpa dovesse sembrarvi grossolana raffinatela con un mixer ad immersione.

7
Fatto

Per conservare la marmellata è necessario sanificare i barattoli. Stendete uno strofinaccio sul fondo di una pentola e disponete vasetti e capsule ben puliti. Fate correre un altro canovaccio tra i vasetti per evitare che possano rompersi. Riempite la pentola d'acqua in modo da sommergere interamente i barattoli e portatela ad ebollizione. Appena raggiunto il bollore abbassate la fiamma e continuate la bollitura per altri 30 minuti.

8
Fatto

Terminata la cottura della marmellata togliete dal fuoco ed invasate riempiendo i contenitori a caldo fino a 1 centimetro dal bordo. IMPORTANTE: per evitare che i vasetti possano rompersi a causa dello shock termico manteneteli al caldo fino al momento dell’uso. A questo punto chiudete i barattoli e capovolgeteli ponendoli su una superficie fredda e lasciateli raffreddare.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
fave bollite
precedente
Fave bollite: la riscoperta della tradizione

Aggiungi il tuo commento