0 0
Marmellata di limoni: come farla in casa

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
1.2 kg di limoni bio
550 gr zucchero

Informazioni nutrizionali

0.39g
Proteine
0.0g
Grassi
38.6g
Carboidrati
38.6g
Zuccheri
1.2g
Fibra
147
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Marmellata di limoni: come farla in casa

Una golosissima marmellata fatta con limoni siciliani biologici, per una colazione nutriente con cui iniziare la giornata con il giusto sprint

  • 20 min.
  • circa 40 min.
  • 60 min.
  • Porzioni 0
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Ma secondo voi potrebbe mai mancare la ricetta della Marmellata di limoni in un blog di cucina siciliana? Ovviamente no visto che per me rappresenta un appuntamento fisso di ogni anno. Giusto il tempo che i miei due alberelli in campagna, piccoli ma generosi come mai,  portino al giusto grado di maturazione dei bei limoni assolutamente biologici.

La marmellata di limoni è tra le mie preferite. Sarà per via di quel retrogusto leggermente pungente o di quelle note agrumate in grado di regalare un’esperienza di gusto unica. Vi consiglio di assaggiarla assieme ad una fetta di pane caldo appena tostato e una tazza di caffè fumante.

marmellata di limoni bio

Come fare la marmellata di limoni

Per prima cosa procuratevi dei limoni bio dalla scorza sottile e lavateli accuratamente strofinandoli con una spazzolina. Per eliminare la parte acidula i limoni vanno messi a bagno in acqua per almeno 48 ore, cambiando l’acqua dopo 24. A questo punto inizia il momento della cottura che passa attraverso varie fasi. Si fanno cuocere una prima volta e non appena arriva a bollore spegnete dopo 2 minuti.

Mettete da parte circa 350 ml d’acqua di cottura che servirà per la seconda cottura durante la quale viene aggiunto lo zucchero. Si riporta a bollore e si ripete questa operazione tante volte quante sono necessarie per avere una marmellata morbida e le bucce perfettamente cotte. Poco prima di spegnere definitivamente il fuoco riducete i pezzi più grossi con l’ausilio di un frullatore a immersione.

Differenza tra marmellata e confettura

Sono in molti coloro che fanno confusione tra marmellata e confettura. La distinzione è stata anche sancita da una norma delle Comunità Europea con la quale si è stabilito che si definisce marmellata il prodotto a base di zucchero e agrumi (limone, mandarino, arancia, pompelmo, bergamotto e cedro) la cui percentuale deve essere almeno pari o superiore al 20%. Degli agrum è possibile usare la polpa, purea, succo, estratti acquosi e scorza.

Si parla di confettura, con riferimento a tutti gli altri tipi di frutta, come del prodotto derivante dall’utilizzo di zucchero e frutta (in questo caso solo la polpa) e in percentuale non inferiore al 35%. La confettura può definirsi “extra” quando la quantità di frutta superi il 45% del totale.

Nel blog trovate altre ricette di marmellate e confetture come la profumata

Marmellata di mandarino,

e le confetture di:

Nespole,

Fichi d’India,

Fragole,

Ciliegie.

Fasi

1
Fatto

Procuratevi dei limoni dalla scorza non troppo spessa dal vostro fruttivendolo di fiducia e che siano assolutamente biologici. Questo perché la buccia del limone viene utilizzata per la realizzazione della marmellata.

2
Fatto

Lavateli bene sotto l'acqua corrente, spazzolateli per eliminare tutte le impurità e asciugateli.

3
Fatto

Con un coltello ben affilato eliminate le due estremità, quindi affettate molto finemente i limoni, buccia compresa.

4
Fatto

Togliete i semi interni e disponete le fette di limone in una ciotola molto capiente; copriteli con acqua fredda e lasciateli a bagno per 24 ore coprendo con pellicola trasparente. Trascorso questo tempo cambiate l'acqua e lasciate a bagno per altre 24 ore. Questo servirà per eliminare la parte più acidula dei limoni.

5
Fatto

Trascorse le 48 ore scolate le fettine di limone e mettetele in pentola, copritele di acqua fredda e portatele a bollore. Fate bollire per 2 minuti quindi scolatele conservando circa 3,5 dl di acqua di cottura.

6
Fatto

Rimettete le fette di limone in pentola insieme all'acqua messa da parte e allo zucchero e mescolate.

7
Fatto

Portate nuovamente a bollore e spegnete. Ripetete questa operazione tante volte fino a quando la marmellata risulterà morbida e le bucce cotte. Poco prima dell'ultima cottura riducete i pezzi di limone con l'ausilio del minipimer. Non esagerate perché potrebbe risultare troppo densa.

8
Fatto

Per la giusta densità avvaletevi della prova del piattino e cioè mettendo un po' di marmellata nel piattino questa dovrà scivolare molto lentamente; solo allora sarà pronta. Appena pronta passate ad imbarattolare la marmellata.

9
Fatto

Procuratevi dei barattoli che avrete già sanificato insieme ai coperchi facendoli bollire in acqua. Appena fatto metteteli capovolti su un canovaccio. Considerate che con 1 kg netto di limoni (private delle estremità) si riempiono all'incirca 2 barattoli da mezzo chilo.

10
Fatto

Riempite i barattoli con la marmellata. Il barattolo non va mai riempito fino all'orlo ma si deve lasciare uno spazio (spazio di testa). Chiudete il barattolo con il suo coperchio e passate alla pastorizzazione facendo il bagnomaria. Metteteli in una pentola, copriteli d'acqua e quando questa bollirà lasciateli a bollire per 20 minuti. Non li togliete dall'acqua calda ma fateli raffreddare in pentola. Controllate che si sia formato il sottovuoto con la superficie del coperchio che deve apparire leggermente concava e premendo con il dito non si deve sentire il click-clack. Cliccate sul link dove potete leggere le Linee guida dell'Istituto Superiore di Sanità.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
pasta pomodoro crudo basilico
precedente
Ricetta Pasta con pomodoro crudo
Pasta con i tenerumi
prossima
Pasta con i tenerumi

Aggiungi il tuo commento