1 0
Caponata catanese

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
4 melanzane
400 gr di peperoni
400 gr di pomodori maturi
1 costa di sedano
3 cipolle
200 gr di olive verdi snocciolate
50 gr di capperi
1/2 bicchiere di aceto di vino bianco
1 cucchiaio di zucchero
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

1.5g
Proteine
13.5g
Grassi
6.7g
Carboidrati
4.6g
Zuccheri
1.3g
Fibra
140
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Caponata catanese

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Sedano

La caponata catanese è tra le versioni più conosciute e amate delle molte presenti nella gastronomia siciliana. Vediamo come prepararla al meglio

  • 60 min.
  • 50 min.
  • 110 min.
  • Porzioni 4
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Con la Caponata catanese siamo dentro il cuore della cucina siciliana più legata alla tradizione; tradizione che ci dice come in Sicilia si contino più di 30 tipi di caponate diverse. Ogni provincia, ogni città, quasi ogni famiglia ha la propria ricetta personale tramandata da generazioni e generazioni. Ognuno giurerà sull’assoluta fedeltà e bontà della propria ricetta ai canoni di una sicilianità indiscutibile; quasi come fosse il Verbo inciso sulle Tavole e per esso disposto a immolarsi.

ricetta caponata catanese

Un po’ di storia

Per approfondire l’origine etimologica del termine “caponata” potete leggere quanto riportato su Caponata di melanzane. Qui basta dire che quella che oggi è servita come antipasto o contorno era un tempo considerata come companatico unico. Sembra che il nome derivi dall’abitudine delle mogli dei pescatori di preparare il cestino del pranzo ai propri mariti con il pesce capone e condirlo con salsa in agrodolce. Il resto della popolazione che non poteva permettersi un cibo così costoso pensò di sostituirlo con le melanzane.

Per tornare alla ricetta della caponata catanese  elemento caratterizzante è l’utilizzo, oltre alle melanzane, di altri ortaggi quali i peperoni. In comune invece la catanese e la palermitana conservano l’inconfondibile sapore della salsa agrodolce così come il sedano, i capperi e le olive. Per un buon risultato attenzione deve essere posta anche al tipo di melanzana usata. Ideale è quella che a Palermo viene chiamata “violetta di Palermo”, dalla polpa piuttosto compatta e con una consistenza meno spugnosa. Queste sue caratteristiche fanno si che la melanzana non assorba una quantità eccessiva di olio e si presenti poco unta. Della ricetta della caponata potete anche guardare il video cliccando su Videoricetta Caponata di melanzane.

Fasi

1
Fatto

Togliete il picciolo alle melanzane e tagliatele a tocchetti; cospargetele di sale e mettetele a colare in un colapasta per eliminare l’acqua di vegetazione.

2
Fatto

Dopo circa 1 ora, lavatele e mettetele a friggere in olio abbondante scolandole su carta assorbente.

3
Fatto

Lavate e tagliate i peperoni a tocchetti e metteteli da parte.

4
Fatto

In una padella fate rosolare le cipolle affettate con l’olio aggiungendo, dopo pochi minuti, i peperoni e fate cuocere per 10 minuti.

5
Fatto

Unite i pomodori pelati e sminuzzati e fate cuocere per 20 minuti aggiungendo acqua, se occorre.

6
Fatto

Quando i peperoni risulteranno cotti, aggiungete le melanzane, i capperi, le olive ed il sedano tagliato a pezzetti. Aggiustate di sale e pepe.

7
Fatto

Girate bene e finite di cuocere aggiungendo l’aceto con il cucchiaio di zucchero.

8
Fatto

Fate restringere e togliete dal fuoco. Servite fredda.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
tagliatelle con salsiccia e finocchietto selvatico
precedente
Tagliatelle con salsiccia e finocchietto selvatico
riso alla siciliana
prossima
Riso alla siciliana: ricetta semplice ma invitante

Aggiungi il tuo commento