0 0
Calamari alla griglia panati

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
4 calamari
150 gr di pangrattato
1 limone
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

11.2g
Proteine
9.5g
Grassi
9.7g
Carboidrati
1.1g
Zuccheri
0g
Fibre
166
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Calamari alla griglia panati

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Molluschi

Ecco come preparare una deliziosa grigliata di calamari

  • 10 min.
  • 4 min.
  • 14 min.
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

I calamari alla griglia panati non sono ricetta esclusivamente siciliana perché presenti praticamente in tutta Italia. E’ pur vero che i siciliani hanno tuttavia un amore particolare per questo piatto che unisce semplicità e gusto.

Proprio l’apparente semplicità non ci induca nell’errore di far credere che non siano presenti insidie per la sua esecuzione. Il rischio  maggiore potrebbe verificarsi durante la cottura, prolungandola eccessivamente, con il pericolo di rendere la delicata carne del mollusco dura e gommosa.

Consigli per una cottura perfetta dei calamari alla griglia panati

Ecco alcuni consigli per eseguire alla perfezione la ricetta:

In primo luogo praticate dei tagli sulla sacca, orizzontalmente, ma su un solo lato del corpo. Questo permetterà all’umidità presente al suo interno di fuoriuscire facilmente evitando di rendere la carne più lessata che grigliata. Per evitare di incidere anche la parte sottostante del calamaro usate questo trucchetto: inserite la lama di un coltello dentro la sacca del mollusco che, in questo modo, farà da base impedendo al coltello di incidere il calamaro da entrambi i lati.

Se ne avete una disponibile utilizzate una padella di ghisa, un materiale che riesce a raggiungere temperature molto elevate. I calamari infatti prediligono cotture brevi e piuttosto violente.

I tentacoli dei calamari necessitano di una cottura più prolungata. Disponeteli sulla piastra per 2-3 minuti girandoli da tutti i lati per una cottura più uniforme possibile. Trascorso questo tempo grigliate anche le sacche.

La durata della cottura dipende dalla grandezza del calamaro ma, in genere, per quelli di medie dimensioni, cercate di non superare mai i 2 minuti per lato.

Nel frattempo eccovi altre due spettacolari ricette con calamari: Calamari alla messinese e Calamari ripieni.

Nota: ricetta pubblicata a Luglio 2019 e aggiornata a Novembre 2020

Fasi

1
Fatto

Pulite bene i calamari tirando delicatamente la testa e staccandola dai tentacoli con tutte le interiora. Con l'aiuto di un coltellino togliete la cartilagine dal corpo e spellatelo. Dalla testa eliminate sia il becco che gli occhi. Sciacquate bene, salateli leggermente e metteteli a scolare in un colapasta. Cliccate su Calamari ripieni alla siciliana" dove potrete vedere la videoricetta su come si pulisce il calamaro.

2
Fatto

Dopo circa 20 minuti sciacquate nuovamente i calamari per eliminare il sale in eccesso e tamponateli. Praticate delle incisioni sul corpo dei calamari ma soltanto su un lato. Questo consentirà all'acqua presente nel corpo di evaporare durante la fase della cottura senza che, per questo, la parte interna del mollusco sembri lessata.
Consiglio: per evitare di incidere anche il lato sottostante della sacca del calamaro inserite la lama di un coltello al suo interno che, in questo modo, fungendo da base, bloccherà il coltello con cui incidete.

3
Fatto

Nel frattempo preparate una ciotola con olio EVO ed un piatto con il pangrattato mischiato ad un pizzico di sale e pepe.

4
Fatto

Passate i calamari nell'olio e poi nel pangrattato facendo aderire bene la panatura, quindi scottateli su una piastra, meglio se di ghisa, molto calda. Questo perché la ghisa riesce a raggiungere temperature molto elevate, l'ideale per la cottura dei molluschi che prediligono cotture brevi e con un impatto termico estremo.

5
Fatto

Cuocete per primi i tentacoli che richiedono un tempo di cottura più lungo, dopo circa 2-3 minuti posizionate anche la sacca. Per evitare che il calamaro diventi duro e gommoso la cottura non dovrebbe superare i 2 minuti per lato. Per calamari di medie dimensioni come quelli delle foto un tempo di 4 minuti totali è stato sufficiente.

6
Fatto

Servite con un ultimo filo d'olio e qualche goccia di limone.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
pasta con bottarga di tonno rosso
precedente
Spaghetti con bottarga di tonno
pate di olive verdi
prossima
Paté di olive verdi – Come farlo in casa

Aggiungi il tuo commento