3 0
La pasta con le sarde rappresenta lo zenit della cucina siciliana, una ricetta universale espressione della cucina a km zero

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
400 gr di bucatini
500 gr di sarde
400 gr di finocchietti selvatici
5 acciughe salate
1 cipolla
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di uva passa
1/2 bicchiere di vino bianco
1 busta di zafferano
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

14.3g
Proteine
10.3g
Grassi
37.3g
Carboidrati
4.8g
Zuccheri
11.4
Fibre
281
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Pasta con le sarde – La ricetta originale

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Cereali contenenti glutine
  • Frutta a guscio
  • Pesce e derivati

Un vero classico della cucina siciliana dove gli ingredienti, apparentemente contrastanti, creano un equilibrio perfetto di sapori e odori

  • 60 min.
  • 90 min.
  • 150 min.
  • Porzioni 4
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

La pasta con le sarde è una di quelle ricette che connotano un’intera regione rappresentando quanto di meglio possa offrire la cucina siciliana.

La sua monumentalità non deriva esclusivamente dall’essere una ricetta nota a livello planetario, né la si deve “soltanto” alla sua bontà indiscussa. La pasta con le sarde è importante perché racchiude secoli di stratificazioni gastronomiche culturali che l’hanno portata ad essere ciò che essa rappresenta: la massima espressione di quella che oggi si definisce “cucina a km zero“.

Se le condizioni economiche del ceto popolare di un tempo costringevano a fare di necessità virtù, l’ingegno delle massaie di allora anticiparono, con lungimiranza, quella cultura gastronomica la quale crea piatti con ciò che la natura e il territorio circostante mettono a disposizione. Dal mare si prendono le sarde, di pasta in giro se ne trova sempre un po’, col tempo arrivi a usare il finocchietto selvatico che cresce lungo le strade o appena in collina e che magari aiuta a smorzare l’odore del pesce non proprio freschissimo. In definitiva non credo di esagerare nel dire che la pasta con le sarde è un compendio di filosofia applicata.

A prima vista gli ingredienti della pasta con le sarde sembrerebbero difficilmente conciliabili. Nella realtà è stato creato un piatto armonioso in cui ogni singolo ingrediente recita la sua parte.

Come in quella scena del film Amadeus di Forman, quando l’imperatore contestava a Mozart la presenza di “troppe note”; né una di più né una di meno ribatté il grande compositore; esattamente quelle necessarie.

Anche in questa ricetta ci sono tutte le note necessarie per preparare un capolavoro della cucina siciliana.

Pasta con le sarde: varianti

Di ricette di pasta con le sarde sul web se ne trovano alcune migliaia. La sua notevole popolarità stimola a sperimentare innovazioni e varianti più o meno lecite. Ad esempio c’è chi usa il pomodoro o l’estratto di pomodoro, c’è chi omette la mollica tostata, c’è chi  effettua la cottura finale con un passaggio in forno. Tutto lecito e non contesto la scelta, anzi innovare è sempre positivo e fonte di stimoli. Questa che state per leggere (in alto trovate anche la videoricetta) è quella che preparo io come mi hanno insegnato mia madre e mia nonna.

E prima di lasciarvi vi ricordo un altro grandissimo piatto della cucina siciliana; la pasta con le sarde a mare che utilizza un ingrediente spesso sottovalutato, l’ironia.

pasta con sarde ricetta originale

Nota: ricetta pubblicata a Giugno 2016 e aggiornata a Ottobre 2020

Fasi

1
Fatto

Sfilate i finocchietti eliminando i gambi più duri, lavateli e bolliteli in abbondante acqua salata per 15/20 minuti (dipenderà dalla loro durezza).

2
Fatto

Tirateli fuori con una schiumarola e tagliuzzateli finemente conservando l’acqua di cottura che servirà per lessarvi la pasta.

3
Fatto

Pulite le sarde, avendo cura di togliere testa e interiora, la lisca centrale e la spina sul dorso. Sciacquatele in acqua corrente e spezzettatele grossolanamente con le mani.

4
Fatto

In un padellino fate appassire un trito di cipolla con un giro d’olio e scioglietevi a fiamma bassa le acciughe salate.

5
Fatto

Aumentate il fuoco e unite i finocchietti, i pinoli, l’uvetta ammollata in acqua e strizzata, le sarde e lasciate insaporire tutto per 2 minuti fin quando il pesce inizierà a spappolarsi amalgamandosi con tutti gli altri ingredienti.

6
Fatto

Irrorate con mezzo bicchiere di vino bianco e continuate la cottura fino a far evaporare la parte alcolica.

7
Fatto

Aggiungete lo zafferano sciolto in una tazza d'acqua dei finocchietti e versatela nel sugo. Correggete con sale e pepe e dopo 4-5 minuti il condimento sarà pronto.

8
Fatto

Lessate i bucatini nell'acqua di cottura dei finocchietti opportunamente salata, scolatela al dente e trasferitela in padella con il condimento. Fatela saltare per amalgamare il tutto e se dovesse sembrare troppo asciutta aggiungete qualche mestolino di acqua di cottura.

9
Fatto

Lasciate riposare un paio di minuti quindi impiattate, guarnite con una spolverata di pangrattato tostato e servite.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
filetti di sgombro a linguata
precedente
Sgombro a linguata – Filetti di sgombro
polpette di pane al sugo di piselli
prossima
Polpette di pane al sugo di piselli

Un commento Nascondi commenti

Uno dei piatti che più rappresenta la nostra straordinaria cucina. Ricetta provata e sicuramente fatta “a mistieri” come si dice in Sicilia.

Aggiungi il tuo commento