0 0
Pasta con la frittedda: pasta con fave, carciofi e piselli

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
300 gr di spaghetti
5 carciofi
250 gr di piselli Il peso si riferisce a piselli già sgranati
400 gr di fave fresche Il peso si riferisce a fave già private della buccia
1 mazzetto di finocchietti selvatici
1 cipolla
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

5.5g
Proteine
3.5g
Grassi
20.4g
Carboidrati
2.9g
Zuccheri
4.4g
Fibre
129
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Pasta con la frittedda: pasta con fave, carciofi e piselli

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine

Una minestra che conquista con la sua straordinaria dolcezza, una ricetta irrinunciabile ad ogni inizio di primavera quando fave e piselli sono piccoli e teneri

  • 20 min.
  • 45 min.
  • 65 min.
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

La pasta con la frittedda è l’immancabile ricetta di ogni inizio di primavera, una minestra dal sapore dolcissimo e ricca di tutti i profumi che la mite stagione riesce a regalare.

Quando le fave sono ancora piccole e tenere e sui banchi degli ortolani sono organizzate piccole montagnole di piselli freschi, quello è il momento giusto per cucinare questo piatto siciliano legato alla tradizione contadina.

In alcune zone della Sicilia la pasta con la frittedda è  fatta utilizzando soltanto le fave ma, nella gran parte della Sicilia, si intende quella minestra ottenuta dalla cottura in comune di carciofi, fave e piselli. La ricetta che da sempre s’è preparata a casa mia prevede anche un mazzetto di finocchietto selvatico che aggiunge un tocco di gradevole acidità.

Fare la pasta con la frittedda non è per nulla difficile. L’unico segreto è quello di armarsi di una buona dose di pazienza, quella necessaria a spicchiare fave e piselli, quelli più piccoli e teneri che possiate trovare. Un piccolo sacrificio che sarà ripagato da una minestra dalla dolcezza incredibile.

Per comodità ecco il link della ricetta della frittedda e quello della sezione speciale dedicata alle ricette con fave.

Fasi

1
Fatto

Per la pasta con la frittedda iniziate dalla pulizia del finocchietto scartando i gambi più duri quindi lavatelo e fatelo sbollentare per 15 minuti in acqua salata. Scolate avendo cura di conservare l'acqua di bollitura che servirà per cuocere la frittedda.

2
Fatto

Pulite i carciofi togliendo le foglie dure e tagliate le spine. Divideteli a metà nel verso della lunghezza, asportate le spine piccole e la barba interna e immergeteli in acqua e limone per evitare che si anneriscano.

3
Fatto

Sciacquate anche le fave dopo aver tolto la buccia esterna. Se dovessero essere particolarmente grandi togliete anche la seconda buccia altrimenti potete anche lasciarla.

4
Fatto

Scolate i carciofi dall'acqua acidulata e affettateli finemente. Tritate anche la cipolla e rosolatela in un tegame con abbondante olio. Aggiungete i carciofi e dopo qualche minuto anche le fave, i piselli ed il finocchietto tagliuzzato.

5
Fatto

Aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per poco più di 20 minuti aggiungendo qualche mestolo di acqua dei finocchietti.

6
Fatto

Appena la frittella sarà cotta allungate con l'acqua del finocchietto, nella quantità necessaria per cuocere la pasta. Cuocete gli spaghetti spezzettati a 4-5 cm, aggiustate di sale e pepe ed ultimate la cottura. Servite ben calda e, se preferite, spolverate con una manciata di formaggio grattugiato.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
ricotta fritta
precedente
Ricotta fritta: croccante fuori morbida dentro
vope con cipolla in agrodolce
prossima
Vope (boghe) fritte con cipolla in agrodolce

Aggiungi il tuo commento