0 0
Favazza termitana

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
Per l'impasto:
1 kg di farina di semola di grano duro
qb (circa 500 gr) di acqua
25 gr di lievito di birra
150 gr di olio EVO
1 cucchiaio di zucchero
1 presa di sale
per il condimento:
100 gr di olive nere
8 cipollotti
20 filetti di acciughe salate
8 pomodori maturi
250 gr di caciocavallo Caciocavallo stagionato intero
150 gr di caciocavallo grattugiato
olio EVO
origano

Informazioni nutrizionali

10.9g
Proteine
13.9g
Grassi
22.7g
Carboidrati
3.1g
Zuccheri
0.5g
Fibra
246
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Favazza termitana

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Pesce e derivati

Una delle ricette a cui sono maggiormente legata, una pizza ricoperta di cipolle, acciughe salate, olive nere, caciocavallo a dadini e origano. Semplicemente favolosa

  • 60 min.
  • 40 min.
  • 100 min.
  • Porzioni 8
  • Media

Ingredienti

  • Per l'impasto:

  • per il condimento:

Introduzione

Condividi

La ricetta della favazza termitana non poteva certo mancare perché ad essa sono particolarmente legata. Abito in una città ricca di tradizioni popolari che ancora oggi sono ben presenti nell’animo di ogni mio concittadino. “A nuttata ra Maronna”, che precede la festa dell’Immacolata Concezione dell’8 Dicembre rappresentava, e ancora rappresenta, la sintesi perfetta delle tradizioni religiose, gastronomiche e sociali. Si trascorreva tutta la notte a giocare a carte, a tombola e a mangiare quella che mai sarebbe potuta mancare, appunto la favazza. Si tratta di una pizza di pasta lievitata  e condita con una gran quantità di pomodoro, cipolla, caciocavallo, acciughe salate, origano e olio extravergine.

pizza favazza

Gli uomini di casa andavano prima dalla signora Pierina a ritirare le teglie, quelle nere da forno. Mia madre e “a nonna Iannì” avevano già provveduto ad impastare per tempo alcuni quintali di farina, fatta lievitare alla perfezione e  disposta nelle suddette teglie. Il condimento della favazza avveniva in maniera parziale; si mettevano solo il caciocavallo a pezzettini, il pomodoro, la cipolla e le acciughe. A quel punto le teglie venivano riportate al forno. Dopo circa 15/20 minuti mia nonna partiva con gli altri ingredienti.

la favazza

L’uscita della teglia dal forno a legna era il momento topico perché immediatamente la soffice  e morbida pasta veniva irrorata di olio, caciocavallo grattugiato, origano e immediatamente ricoperta con un plaid per evitare di far disperdere calore e profumi. A quel punto tutti in fila indiana con le teglie sulla testa e la festa poteva avere inizio. Se anche tu ami impasti e lievitati guarda anche la Scaccia modicana, la Rianata trapanese e la Fuata nissena.

Fasi

1
Fatto

prepariamo l'impasto:

In una spianatoia versate la farina, il sale, lo zucchero ed il bicchiere d’olio e lavorate bene con le mani per amalgamare questi elementi.

2
Fatto

Formate una fontana dove al centro metterete il lievito che andrà sciolto con dell’acqua tiepida.

3
Fatto

Impastate aggiungendo tanta acqua fino ad ottenere un composto omogeneo e non troppo morbido.

4
Fatto

Mettete la massa in uno strofinaccio cosparso di farina in un luogo caldo dove lieviterà per almeno 1 ora.

5
Fatto

il condimento:

Nel frattempo pulite le cipolle e tagliatele a listarelle sottili ricavandone delle pezzature di 3/4 cm, pulite i pomodori tagliandoli a dadini e lo stesso con il caciocavallo ottenendo dei piccoli cubetti.

6
Fatto

Oliate abbondantemente le teglie da forno e spianatevi la pasta dello spessore di circa 2 cm.

7
Fatto

Conficcate nella pasta i pezzettini di caciocavallo e spargete sulla superficie le acciughe salate.

8
Fatto

Stendete su tutta la superficie il pomodoro lasciando un bordo di un paio di cm e terminate con la cipolla tagliata. Ultimate con le olive nere e l’origano.

9
Fatto

Irrorate tutto con olio d’oliva ed infornate a 200° per circa 30/35 minuti. Dopo 20 minuti circa controllate il fondo della favazza per controllarne il grado di cottura.

10
Fatto

Appena uscita la teglia spolverizzate con il caciocavallo grattugiato un altro filo d'olio e servite.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
precedente
Spaghetti agli scampi
gnocchi di patate
prossima
Gnocchi di patate con ricotta e zafferano

Aggiungi il tuo commento