1 0
Timballo di pasta e cavolfiore

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
400 gr di spaghetti
1 cavolfiore
2 scalogni
30 gr di pinoli
30 gr di uva passa
6 filetti di acciughe sott'olio
1 bustina di zafferano
50 gr di caciocavallo grattugiato
60 gr di pangrattato
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

7.3g
Proteine
8.7g
Grassi
25.7g
Carboidrati
4.6g
Zuccheri
2.4g
Fibra
204
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Timballo di pasta e cavolfiore

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Cereali contenenti glutine
  • Frutta a guscio
  • Latte e derivati
  • Pesce e derivati

Come tutti i timballi lo potete preparare prima e poi scaldarlo e, come tutti i timballi, sarà ancora più buono

  • 30 min.
  • 60 min.
  • 90 min.
  • Porzioni 4
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Il timballo di pasta e cavolfiore è la ricetta che ho pensato di preparare per la prossima Domenica. Non soltanto perché è una pasta particolarmente buona che mi piace tantissimo ma soprattutto per una questione di praticità, visto che dovrò preparare la pasta il sabato sera. Infatti questa Domenica andrò in giro per mercatini di antiquariato dove cercare “props” per le mie foto.  Lo so, molti si staranno chiedendo cosa diavolo saranno mai questi props, e magari non lo sapete, ma ne avete anche voi a decine chiusi in vetrina, nella vostra cantina oppure in solaio, o anche buttati alla rinfusa nel ripostiglio. Va bene, dai, sveliamo il mistero: si dicono props tutti quegli oggetti di scena con i quali arricchire un set fotografico. Delle posate antiche con l’impugnatura lavorata, un tagliere di legno vecchio e rovinato, un piatto di rame, di ferro o di porcellana, oppure un macina caffè antico, un mortaio, un bicchiere, delle tovagliette, uno sfondo di assi di legno su cui costruire la scena, libri e giornali vecchi, barattoli, scatole di latta, tazzine di caffè o di tè, mattarelli etc.

timballo di pasta e cavolfiore ricetta

Il timballo di pasto e cavolfiore: riposato è meglio

Ma ora ritorniamo alla nostra ricetta. I timballi mi piacciono tutti indistintamente, siano essi di pasta o di verdure, ancor di più quando li preparo con un giorno di anticipo. Sono una di quelle portate che gustate il giorno dopo sono spesso molto più saporite e appetitose. Volete mettere la pasta ‘ncasciata con broccolo mangiata l’indomani, quando è bella riposata ed ha assorbito tutti i profumi? Assolutamente fantastica.

Anche la ricetta del timballo di pasta e cavolfiore non fa eccezione. Lo considero come l’equivalente del tuo migliore amico/a. Su di lui/lei puoi sempre contare e sai che non ti tradirà mai. Con lui il successo è assicurato e i commensali pienamente soddisfatti. Tuttavia, poiché il cavolfiore ha un sapore prevalentemente dolciastro, vi suggerisco di  aggiungere qualche ingrediente dal gusto deciso e definito come le acciughe salate o un caciocavallo stagionato. L’indomani sarà sufficiente scaldarlo appena appena in forno per far rinvenire tutti i profumi.

Il consiglio che voglio darvi in chiusura di questo post, per gustare al meglio il timballo di pasta e cavolfiore, è quello di lasciare la cottura un po’ indietro, per due motivi: 1) perché quando lo tirate fuori dal forno il calore della teglia continua a cuocere ancora la pasta; 2) l’indomani, quando dovrete riscaldarla, potrete eventualmente definire la cottura alla perfezione.

Fasi

1
Fatto

Pulite il cavolfiore riducendolo in cimette, lavatelo e sbollentatelo in acqua salata. Appena cotto, scolatelo e mettetelo da parte avendo cura di mantenere l'acqua di cottura dove cuocerete la pasta.

2
Fatto

In una padella soffriggete lo scalogno tagliato a fettine con un filo d'olio EVO, aggiungete le alici sminuzzate, i pinoli, l'uva passa e le cimette di broccolo che schiaccerete con l'aiuto di una forchetta riducendole in poltiglia.

3
Fatto

Sciogliete lo zafferano in un bicchiere di acqua di cottura del broccolo e versatela nel condimento, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per 5 minuti. Fate attenzione a mantenere il condimento piuttosto morbido perché la cottura in forno tende ad asciugare eccessivamente la pasta.

4
Fatto

Prendete una teglia, ungetela con olio e spolverizzatela di pangrattato sia sulla base che sui bordi.

5
Fatto

Lessate gli spaghetti nell'acqua dei broccoli, salate e scolateli molto al dente. Fateli saltare nella padella assieme al condimento e amalgamate con il caciocavallo grattugiato.

6
Fatto

Riversate tutto in teglia, livellate la pasta e spolverizzate la superficie con pangrattato. Mettete in forno a 200° per 20 minuti e servite ben calda.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
paccheri con sugo di sgombro
precedente
Pasta con sugo di sgombro-ricetta di mare profumata
pane pizza
prossima
Pane pizza alla siciliana: come riciclare il pane raffermo

Aggiungi il tuo commento