0 0
Cartocci siciliani fritti (Macallè)

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
Per l'impasto:
500 gr di farina manitoba
200 gr di acqua
12.5 gr di lievito di birra
50 gr di latte
35 gr di strutto
50 gr di zucchero
10 gr di sale
1 tuorlo
qb olio per friggere
Per farcire:
1 kg di ricotta di pecora
400 gr di zucchero semolato
100 gr di goccine di cioccolato fondente
(facoltativo) 100 gr di zuccata a cubetti
Per guarnire:
qb zucchero a velo

Informazioni nutrizionali

6.4g
Proteine
21.2g
Grassi
33.5g
Carboidrati
21.6g
Zuccheri
0.7g
Fibra
347
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Cartocci siciliani fritti (Macallè)

I cartocci siciliani, noti anche con il nome di "macallè", sono fatti con una morbida pasta brioche e farciti con crema di ricotta e gocce di cioccolato. Spesso è la colazione di ogni buon siciliano

  • 150 min.
  • 5 min.
  • 155 min.
  • Porzioni 0
  • Difficile

Ingredienti

  • Per l'impasto:

  • Per farcire:

  • Per guarnire:

Introduzione

Condividi

Visto che va tanto di moda il “politically incorrect” oggi lo voglio proprio dire: mi piacciono di più i cartocci che non il cannolo siciliano. Secondo il mio modesto parere non c’è storia. Non fraintendetemi, il cannolo è buonissimo e chissà quante sono state le volte che ne ho mangiati due o tre di fila. Famoso in tutto in tutto l’orbe terracqueo come uno dei must della cucina siciliana, numerose sono le pasticcerie che organizzano spedizioni a domicilio anche oltreoceano. Sempre sia lodato il cannolo che ci fa fare “bella figura” e tiene alto l’onore della cucina siciliana.

cartoccio

Ma volete mettere il piacere che ti dà addentare la soffice pasta brioche del cartoccio? Morbida, cedevole e profumata è un godimento infinito che cresce ancora più quando si raggiunge il suo cuore cremoso di ricotta e gocce di cioccolato.

Cara lettrice e caro lettore, se non avete mai assaggiato un cartoccio non c’è da perdere un solo istante. Tre sono le alternative possibili: 1) prendere il primo aereo per Palermo e fiondarsi nella pasticceria che vi avrà indicato la vostra amica siciliana (ne avrete certamente una, vero?); 2), cercate su Google una pasticceria siciliana presente nella vostra città; 3) assicuratevi di avere tutti gli ingredienti necessari, mettetevi subito ai fornelli e preparate questa ricetta senza perdere altro tempo. Ecco, lo sapevo; il solo scrivere dei Cartocci mi ha fatto venire l’acquolina e….ehm…..scusate torno prestissimooooooo.

Fasi

1
Fatto

Per la crema di ricotta:

Preparate la crema di ricotta il giorno prima. Prendete la ricotta e ponetela in un colapasta per almeno due ore per eliminare l’acqua di deposito.

2
Fatto

Trascorso tale tempo mettetela in una ciotola e aggiungete lo zucchero. Mescolate per poco tempo con un cucchiaio di legno, coprite la ciotola con della pellicola trasparente e ponetela in frigorifero per tutta la notte.

3
Fatto

L'indomani prendete un setaccio a maglie molto fini, poggiatelo su di una ciotola e con l’aiuto di una spatola filtrate il composto di ricotta e zucchero premendo verso il basso.

4
Fatto

Aggiungete le gocce di cioccolato e, se volete, dei cubetti di zucca candita.

5
Fatto

Conservate la crema di ricotta in frigorifero fino a quando sarà il momento di usarla.

6
Fatto

Per la pasta brioche:

Mettete in planetaria la farina con lo zucchero e il lievito di birra spezzettato e lasciate mescolare con la macchina a bassa velocità per un paio di minuti.

7
Fatto

Aggiungete un poco di acqua e il tuorlo e lavorate per altri 2 minuti.

8
Fatto

Aggiungete ancora acqua e il sale e lasciate andare fino a quando sarà stata assorbita.

9
Fatto

A questo punto versate tutta l'acqua restante.

10
Fatto

Quando si sarà formata la maglia glutinica e l’impasto sarà diventato omogeneo aggiungete poco per volta lo strutto e il latte e lavoratela fino al completo assorbimento degli ingredienti.

11
Fatto

Riponete il composto in una ciotola, copritela con la pellicola e mettetela a lievitare per circa 2 ore.

12
Fatto

Riprendete l'impasto lievitato e dividetelo in piccoli panetti da circa 80-90 g l'uno. Ricavate un bastoncino da ogni impasto che arrotolerete attorno ai tubolari per cannoli imburrati. Badate di chiudere bene il cordone nei vari giri.

13
Fatto

Poggiate i cartocci su una teglia rivestita di carta forno, distanti l'uno dall'altro, e lasciate lievitare per 1 ora fino a quando raddoppino la loro massa.

14
Fatto

Riprendete i cartocci ben lievitati e friggeteli uno per volta in un pentolino non troppo grande pieno di olio o strutto ben caldo. Rigirateli per ottenere una cottura uniforme. Poggiateli man mano su carta assorbente.

15
Fatto

Appena freddi estraete il tubolare e riempite il cartoccio di crema di ricotta aiutandovi con una siringa per dolci o con un sac a poche.

16
Fatto

Per guarnire:

Spolverizzate con lo zucchero a velo e servite.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
seppie con aceto
precedente
Seppioline in aceto
taralli
prossima
Taralli

2 commenti Nascondi commenti

Per chi non possiede una planetaria, si potrebbe impastare a mano , nonostante so perfettamente che il risultato non sarà lo stesso?
Grazie.
Tiziana

Cara Tiziana, la planetaria per piccoli impasti serve ad eliminare principalmente la fatica di impastare a mano. E’ evidente che un pasticcere riconoscerebbe un impasto a mano da uno in macchina ma per le nostre preparazioni casalinghe ci possiamo ritenere più che soddisfatte anche con una lavorazione manuale. E poi basta non accontentarsi e ripetere la ricetta diverse volte, migliorando di volta in volta. Io, che sono una patita della pizza in teglia fatta in casa, sperimento nuove tecniche di lavorazione quasi ogni settimana, e impasto quasi sempre a mano. Insomma, costanza e testardaggine e i risultati arrivano anche senza planetaria. Fammi sapere.

Aggiungi il tuo commento