0 0
Stinco di maiale al forno con patate

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
2 stinchi di maiale
800 gr di patate
1 cipolla
1 costa di sedano
2 carote
2 spicchi di aglio
1 mazzetto di prezzemolo
1 bicchiere di vino bianco
2 rametti di rosmarino
4 foglie di salvia
4 foglie di alloro
qb olio EVO
qb sale
qb pepe
per il brodo vegetale:
1 gambo di sedano
1 carota
1 cipolla

Informazioni nutrizionali

11.3g
Proteine
10.2g
Grassi
8.2g
Carboidrati
0.9g
Zuccheri
1.1g
Fibra
175
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Stinco di maiale al forno con patate

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Sedano

Ricetta ricca, gustosa e clamorosamente buona che evoca scene tratte da film di Terence Hill e Bud Spencer

  • 30 min.
  • 70 min.
  • 100 min.
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

  • per il brodo vegetale:

Introduzione

Condividi

Lo stinco di maiale al forno con patate è il classico piatto della domenica o, ancora meglio, per una cena informale tra amici, quando si ha un po’ di tempo da dedicare alla cucina e si vuole gustare un secondo di carne ricco e sontuoso.

Lo stinco non è considerato una parte dell’animale particolarmente nobile ma, cotto nel modo giusto e con aromi che ne esaltano il sapore, risulterà morbido e succulento. Le patate sono poi il contorno ideale per accompagnare questa ricetta soprattutto perché cotte assieme allo stinco di maiale da cui avranno assorbito profumi e sapori.

Se poi amate i sapori ancora più decisi vi consiglio di dare un’occhiata anche al cosciotto di agnello al forno ammuttunatu.

Fasi

1
Fatto

Dopo avere eliminato dagli stinchi le parti più grasse e che risultano facilmente asportabili, portate a bollore una pentola con acqua calda, immergete gli stinchi e fateli cuocere per 15 minuti. Scolateli e metteteli da parte.

2
Fatto

Nel frattempo che gli stinchi cuociano preparate il brodo vegetale portando a ebollizione l'acqua assieme a una carota, un gambo di sedano e una cipolla.

3
Fatto

Passate alla preparazione del soffritto. Sciacquate e asciugate la costa di sedano, le 2 carote e il mazzetto di prezzemolo. Tritateli assieme all'aglio e alla cipolla e fatelo rosolare a fuoco basso in un tegame dai bordi alti con un filo generoso di olio EVO. Lasciate soffriggere per qualche minuto quindi aggiungete gli stinchi. Alzate la fiamma e fateli rosolare da tutti i lati, rigirandoli più volte, aiutandovi con una o due cucchiai di legno. Evitate di infilzare la carne per non far fuoriuscire i succhi interni.

4
Fatto

Appena la carne sarà ben rosolata innaffiatela con il vino bianco e lasciate cuocere ancora un paio di minuti fino a far evaporare la parte alcolica.

5
Fatto

Versate due mestoli di brodo, le foglie di alloro, un rametto di rosmarino e 2 foglie di salvia. Salate, pepate e fate cuocere per 30 minuti con il coperchio. All'occorrenza aggiungete un po' di brodo.

6
Fatto

Pelate le patate, tagliatele a fette piuttosto spesse, sciacquatele in acqua, asciugatele e mettetele in una ciotola. Aromatizzatele aggiungendo un po' di sale, un rametto di rosmarino e 2 foglie di salvia.

7
Fatto

Trasferite gli stinchi con tutto il suo sughetto in una teglia ed infornate in forno statico preriscaldato per altri 40 minuti a 200°. Il tempo di cottura potrebbe tuttavia variare in ragione della grandezza dello stinco e delle caratteristiche del forno.

8
Fatto

Ricordatevi di girare gli stinchi perché si cuociano uniformemente e bagnateli con il suo sughetto. Se occorresse, per evitare che si asciughino troppo, aggiungete pochissimo brodo alla volta.

9
Fatto

A metà tempo disponete le patate tutte attorno agli stinchi di maiale e portatele a cottura. Servite ben caldo.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
paste elena
precedente
Paste elena: dolce della tradizione siciliana
filetti di pesce sciabola con agrodolce
prossima
Filetti di pesce spatola con cipolla in agrodolce

Aggiungi il tuo commento