0 0
Pasta con la scarola e caciocavallo

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
scarola
350 gr di margherita
150 gr di caciocavallo semistagionato
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

9.4g
Proteine
9.8g
Grassi
27.9g
Carboidrati
3g
Zuccheri
1.6g
Fibre
230
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Pasta con la scarola e caciocavallo

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati

Una minestra super economica ma dal gusto portentoso. Perfetta dopo le festività per riequilibrare l'organismo appesantito

  • 20 min.
  • 45 min.
  • 65 min.
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

La pasta con la scarola è una ricetta palermitana che unisce leggerezza, velocità di esecuzione e semplicità.

Bastano 5 o 6 ingredienti per servire un piatto saporito dalle “leggendarie” proprietà depurative e disintossicanti. C’è questa radicata convinzione che la pasta con la scarola, una verdura altrimenti conosciuta come indivia, sia la minestra necessaria per riportarci ad una alimentazione equilibrata dopo giorni di bagordi ed eccessi alimentari. Durante le festività natalizie, quando è inevitabile esagerare a tavola con pranzi e cene più o meno impegnativi, un bel piatto di pasta con la scarola, riccia o liscia non fa differenza, depura l’organismo e lo disintossica.

Ovviamente, da amanti del gusto, non ci accontentiamo della semplice verdura con la pasta, eh no perché di solito la minestra è arricchita con pezzettini di caciocavallo. Appena cotta e allontanata la pentola dal fuoco, si aggiungono questi saporiti dadini di formaggio i quali, con il calore della pasta stessa, si sciolgono e si ammorbidiscono donando un gusto incredibile. Ovviamente siete liberi di saltare questo passaggio e condirla con un semplice filo d’olio, un pizzico di pepe e null’altro.

Come da tradizione familiare utilizzo sempre un formato di pasta ben preciso, la margherita che spezzo a mano ad una lunghezza di 5-6 cm. Ma anche gli spaghetti spezzati o la pasta mischiata (magari residui di formati diversi) vanno più che bene. Insomma una ricetta che non può mancare e che regala grandissime soddisfazioni.

🙂 Leggi anche la ricetta della minestra di piselli lattuga e finocchietto.

Fasi

1
Fatto

Separate le foglie del cespo di scarola selezionandole una per una ed eliminate la parte più coriacea. Lavatele sotto l'acqua corrente così da eliminare terriccio e altre impurità eventualmente presenti. Tagliate l'indivia grossolanamente a listarelle come se doveste fare l'insalata.

2
Fatto

Mettete sul fuoco una pentola con l'acqua necessaria per lessare la verdura. Non appena inizia a bollire correggete di sale e immergete la scarola facendola cuocere per 25/30 minuti.

3
Fatto

Nel frattempo sminuzzate la margherita ad una lunghezza di circa 5-6 cm, controllate che la quantità d'acqua non sia eccessiva (dal momento che la scarola ne contiene parecchia) e calate la pasta. Controllate il sale e regolate.

4
Fatto

In attesa che la pasta giunga a cottura tagliate il caciocavallo a dadini piccoli e mettetelo da parte.

5
Fatto

Appena la pasta sarà cotta allontanatela dal fuoco, scolate una parte dell'acqua della pasta e condite con il formaggio a pezzetti che verrà ammorbidito dallo stesso calore della minestra. Mescolate, aggiungete un filo d'olio extra vergine, un pizzico di pepe e servite ben calda.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
pasta alla paolina
precedente
Pasta alla paolina: ricetta tipica palermitana
spiedini di carne macinata alla palermitana
prossima
Spiedini di carne macinata alla palermitana

Aggiungi il tuo commento