0 0
Sciabbacheddu fritto

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
1 kg di pesciolini misti Sarde, alici, ope, pettini etc.
qb farina
qb olio per friggere
1 pizzico di sale

Informazioni nutrizionali

13.9g
Proteine
17.6g
Grassi
6g
Carboidrati
1.4g
Zuccheri
0g
Fibra
236
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Sciabbacheddu fritto

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Pesce e derivati

Pesciolini croccanti e saporiti ma attenti a non cuocerli troppo per non farli diventare legnosi

  • 20 min.
  • 2 min.
  • 22 min.
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Lo sciabbacheddu fritto, precisiamo subito per tutti i lettori e le lettrici che vivono oltre lo Stretto di Messina, altro non è che l’insieme di pesciolini di vario tipo come sardine, alici, pettiniope etc.

L’etimo della parola deriva dalla rete dalle maglie molto strette usata per la cattura del novellame, la sciabica. Trattandosi di pesci di piccola taglia l’uso di questa tecnica di pesca è consentito solo per pochi mesi all’anno.

Preparare lo sciabbacheddu fritto è veramente semplice e veloce. Dopo aver ripulito il pesce di eventuali impurità si infarina assieme ad un pizzico di sale e si frigge in olio caldo. Una cottura che deve essere rapida e che richiede attenzione perché il pesce, essendo molto piccolo, necessita di pochissimo tempo per dorarsi alla perfezione. Il rischio sarebbe di renderlo eccessivamente legnoso e perdere gran parte della loro dolce morbidezza.

Servite dopo averlo spruzzato con qualche goccia di limone, guarnite con del limone tagliato a spicchi e portate in tavola caldissimo. Clicca QUI per vedere altre ricette a base di pesce.

ricetta pesce fritto

Nota: ricetta pubblicata a Agosto 2017 e aggiornata a Novembre 2020

Fasi

1
Fatto

Lavate accuratamente il pesce togliendo le impurità ed eventuali fili di alga e mettetelo a colare in uno scolapasta.

2
Fatto

In una ciotola versate la farina assieme ad una presa di sale e mescolate.

3
Fatto

Prendete un pugno di pesce e giratelo nella farina. Eliminate quella in eccesso scuotendo il pesce all'interno di un colapasta.

4
Fatto

Utilizzando una padella capiente, versate abbondante olio e portate a temperatura; tuffate il pesce che avrà bisogno di pochissimo tempo per cominciare a dorare.

5
Fatto

Servite caldissimo dopo avere spruzzato qualche goccia di limone e guarnito il piatto con qualche spicchio.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
arancine di riso e zucca
precedente
Arancine di riso e zucca: una deliziosa variante
murici in umido
prossima
Murici in umido

Aggiungi il tuo commento