1 0
Tuma fritta con acciughe

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
500 gr di tuma
qb di filetti di acciughe sott'olio
150 gr di pangrattato
2 uova
qb di olio EVO
qb di sale
qb di pepe

Informazioni nutrizionali

14.4g
Proteine
26.9g
Grassi
11.2g
Carboidrati
0.77g
Zuccheri
0
Fibra
352
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Tuma fritta con acciughe

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Pesce e derivati
  • Uova

Che ne dite di questo antipasto? Non vi fa venir fame solo a guardarlo? Preparatelo e non ve ne pentirete

  • 20 min.
  • 3 min.
  • 23 min.
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

La tuma fritta con acciughe è un antipasto tra i più saporiti della sconfinata tradizione siciliana di stuzzichini a base di formaggio. Questa è una di quelle ricette che definisco “rapi pitittu“, cioè che apre l’appetito pur essendo fatto con ingredienti piuttosto semplici e una preparazione elementare.

Il formaggio tuma

Protagonista principale della ricetta è la tuma, uno dei tanti formaggi siciliani dell’isola utilizzato in moltissime ricette della nostra tradizione. La tuma può essere prodotta sia con latte di pecora che vaccino oppure con entrambi, senza aggiunta di sale e, per questo, deve essere consumato entro pochi giorni. Attraverso il processo di salatura può essere prolungata la conservazione del formaggio dando origine a tre altri prodotti commerciali ben definiti:

primo sale (circa 15 giorni di stagionatura)

secondo sale (da 30 a 60 giorni)

pecorino (da 90 a 120 giorni)

La forma è cilindrica con la crosta che presenta i segni del canestro in cui è inserita e pressata per facilitarne la fuoriuscita del siero. Presenta una pasta compatta,  di colore bianco paglierino e una consistenza gommosa ed elastica. All’assaggio presenta un gusto dolce e leggermente acido.

tuma fritta

La ricetta della tuma fritta con acciughe

La preparazione della ricetta non presenta alcun grado di difficoltà. Tagliate il formaggio con la forma che più desiderate con uno spessore di circa 1/2 cm o anche più. Asciugate la superficie con un foglio di carta assorbente e disponete 2 filetti di acciuga su ogni fettina. Sovrapponetevi l’altra e passatele nelle uova battute precedentemente cui avrete aggiunto un pizzico di pepe.

A questo punto un rapido ma accurato passaggio nel pangrattato su tutti i lati, bordi inclusi quindi versate in una padella abbondante olio EVO, fate riscaldare senza passare il punto di fumo e friggete il formaggio finché si sarà formata una crosticina croccante e ben dorata. Scolate su carta assorbente, salate leggermente e servite ben caldi.

E per concludere ecco alcune altre stuzzicanti ricette a base di tuma: Pane fritto con tuma e acciughe, Frittata con tuma, Involtini di tuma e Cardi ripieni con tuma e acciughe salate.

Fasi

1
Fatto

Tagliate la tuma a fette spesse circa 1/2 cm o poco più dando la forma che preferite (io le ho fatte a forma di triangolo).

2
Fatto

Tamponate il formaggio con un foglio di carta assorbente e adagiate due filetti di acciuga su una fettina, sovrapponetene un'altra e premete bene per farle aderire.

3
Fatto

Rompete le uova in una ciotolina e battetele con una forchetta quindi passate il formaggio nell'uovo battuto e poi nel pangrattato dove è stato aggiunto un po' di pepe.

4
Fatto

Mettete una padella sul fuoco con abbondante olio e non appena caldo friggete il formaggio fino a quando sarà ben dorato e si sarà formata una croccante crosticina.

5
Fatto

Adagiate i crostini su un foglio di carta assorbente perché depositino l'unto in eccesso e salate da entrambi i lati. Servite ben caldi assieme ad una fresca insalatina di lattuga.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
coniglio alla cacciatora
precedente
Coniglio alla cacciatora: succulenta ricetta tradizionale
alivi a puddastredda
prossima
Olive a puddastredda

Aggiungi il tuo commento