0 0
Sfinci di San Giuseppe

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
per le sfince:
250 gr di farina 00
250 gr di acqua
5 uova
50 gr di strutto
1 pizzico di sale
1/2 bustina di lievito per dolci
olio per friggere
per la farcitura:
500 gr di ricotta di pecora
200 gr di zucchero
50 gr di goccine di cioccolato fondente
per guarnire:
ciliegie candite
granella di pistacchio
scorzette di arancia candite

Informazioni nutrizionali

6.6g
Proteine
14.2g
Grassi
27.2g
Carboidrati
16.5g
Zuccheri
0.7g
Fibra
265
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Sfinci di San Giuseppe

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Uova

Il dolce tipico siciliano del 19 marzo, festa di San Giuseppe e festa del papà. Alcuni consigli molto utili per una sfincia perfetta

  • 110 min.
  • 55 min.
  • 165 min.
  • Porzioni 0
  • Difficile

Ingredienti

  • per le sfince:

  • per la farcitura:

  • per guarnire:

Introduzione

Condividi

le sfince di san giuseppe

Le Sfinci di San Giuseppe (per i palermitani “a spincia i San Giuseppi”) altro non sono che dei  grandi bignè fritti, spugnosi e alveolati ricoperti di crema di ricotta e guarniti con scorzette di arancia candita e granella di pistacchio.

Il nome sfincia deriva dal latino “spongia” cioè spugna e non è un caso visto che il dolce, per consistenza e volume, sembra assomigliare ad una morbida spugna.

Tradizionalmente vengono preparati il 19 marzo, giorno dedicato alla consacrazione di San Giuseppe e quel giorno sono molto poche le famiglie in cui non si trovi un bel vassoio di questi dolci.

Proprio ieri, invitata a pranzo da amici non ho potuto fare a meno di notare come tutte le pasticcerie della mia città erano prese letteralmente d’assalto. Noi siciliani siamo così, ci piace rispettare le tradizioni e siamo disposti ad accollarci attese più o meno lunghe per accaparrarci il nostro piccolo pezzettino di sicilianità.

Alcuni consigli per le sfinci di San Giuseppe

  • La parte più fastidiosa è il momento della frittura per la quale vi consiglio di usare un olio leggero come semi di arachide. In alternativa esiste anche la versione della sfincia al forno sulla quale, non avendola mai provata, mi astengo da ogni giudizio.
  • Vi raccomando di usare un  pentolino dai bordi piuttosto alti per contenere l’aumento di volume delle sfince.
  • Fate molta attenzione alla temperatura dell’olio che non dovrebbe mai superare i 180°. Ideale sarebbe avere un termometro da cucina. In caso contrario, qualora la sfincia dovesse colorarsi troppo rapidamente, allontanate il pentolino dal fuoco per far scendere la temperatura.
  • Altro piccolo consiglio è quello di girare spesso la sfincia in modo da avere una cottura uniforme su tutti i lati.
  • Una volta cotta adagiatela su carta assorbente e lasciatela raffreddare. Solo a quel punto potete procedere alla farcitura con la crema di ricotta.

Rimanendo in tema di lievitati e fritti voglio segnalarvi alcune altre ricette che vogliono richiamarsi alle sfince di San Giuseppe:

sfince con ricotta

Nota: ricetta pubblicata a Marzo 2018 e aggiornata ad Agosto 2020.

Fasi

1
Fatto

per la crema di ricotta:

Mettete la ricotta in una ciotola, unitevi lo zucchero, mescolate e fate riposare in frigo per una notte.

2
Fatto

Dopo tale tempo e aiutandovi con una paletta di gomma passatela al setaccio, aggiungete le goccine di cioccolato e rimettetela in frigo.

3
Fatto

per le sfince:

In una pentola portate ad ebollizione l’acqua con lo strutto e il sale.

4
Fatto

Versatevi la farina e, con un cucchiaio di legno, mescolate energicamente fino a quando il composto si staccherà dalle pareti. Mettete questo composto in una ciotola e aspettate che si raffreddi.

5
Fatto

Quando l’impasto di acqua e farina si sarà raffreddato, unite un uovo alla volta, aggiungendo il successivo solo quando il precedente si è assorbito completamente.

6
Fatto

Aggiungete il lievito e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio e senza grumi. Lasciate riposare il composto per almeno 1 ora.

7
Fatto

Mettete sul fuoco un pentolino con molto olio e friggete il composto che verserete con un cucchiaio.

8
Fatto

Non appena la sfincia sarà ben gonfie e dorata, ponetela su fogli di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

9
Fatto

Aspettate che si raffreddino e spalmate la superficie con la ricotta che metterete sopra e, se volete, anche un po' al centro praticando un foro.

10
Fatto

per guarnire:

Guarnite con una ciliegina, una scorzetta di arancia e una manciata di granella di pistacchio.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
excelsior biscotti dessert al burro morbidi
precedente
Biscotti da dessert Excelsior – La Ricetta
fave lesse
prossima
Fave bollite: la riscoperta della tradizione

Aggiungi il tuo commento