0 0
Reginelle, biscotti siciliani al sesamo

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
375 gr di farina 00
125 gr di strutto
125 gr di zucchero
45 ml di latte
45 ml di acqua
200 gr di semi di sesamo
1 punta di cucchiaino di ammoniaca per dolci
1 bustina di zafferano

Informazioni nutrizionali

9.2g
Proteine
7.3g
Grassi
48.7g
Carboidrati
15.3g
Zuccheri
3.3g
Fibra
455
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Reginelle, biscotti siciliani al sesamo

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Semi di sesamo

Rustici biscotti di pasta frolla, friabili e croccanti e dal gusto particolare che gli conferisce il sesamo. Ottimi da gustare assieme ad un Passito di Pantelleria o uno Zibibbo

  • 60 min.
  • 15 min.
  • 75 min.
  • Porzioni 0
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Le Reginelle o biscotti regina sono dei biscotti molto friabili diffusi in prevalenza nella zona di Palermo e provincia. Caratteristica che li contraddistingue è quella di essere interamente ricoperti da semi di sesamo, molto usato nell’isola, soprattutto dai panifici, per decorare mafalde e filoni di pane.

Ma perché si chiamano Reginelle? Chi non fosse mai venuto in Sicilia trovandosi di fronte ad un nome così altisonante potrebbe aspettarsi un dolce particolarmente elaborato e importante. Nella realtà i biscotti regina sono quanto di più semplice possa esserci.

Le reginelle presentano due caratteristiche:

  • hanno una consistenza friabile
  • sono ricoperti interamente di semi di sesamo che gli conferisce un aspetto rustico e un sapore particolare.

Si trovano in tutti i panifici e pasticcerie dell’isola. Quelli da panificio prevedono l’uso dello strutto, in pasticceria si utilizza il burro. Io vi propongo la ricetta con lo strutto e quindi senza burro che conferisce al biscotto maggiore croccantezza.

Assaggiatele con un passito di Pantelleria provando a inzupparvi un biscotto per qualche secondo. Avrete in bocca contemporaneamente biscotto, giuggiulena e passito di Pantelleria, una vera delizia. E non tralasciate di dare un’occhiata anche ai

biscotti reginelle con giggiulena

Nota: ricetta pubblicata ad Aprile 2018 e aggiornata ad Agosto 2020

Fasi

1
Fatto

Mettete la farina in una ciotola e, con le mani, incorporatevi lo strutto.

2
Fatto

Aggiungete lo zucchero, il latte, l’acqua ed un pizzico di ammoniaca e lo zafferano. Deve risultare un composto compatto e molto consistente.

3
Fatto

Avvolgete il composto nella pellicola e fate riposare in frigo per 30 minuti.

4
Fatto

Versate il sesamo in un vassoio e inumiditelo abbondantemente con acqua affinché si attacchi meglio alla pasta. Deve avere la consistenza della sabbia del bagnasciuga.

5
Fatto

Estraete la pasta dal frigo e fate dei bastoncini rotondi del diametro di circa 2 cm. Rotolateli nel sesamo e, con un coltello, tagliateli ogni 4/5 cm.

6
Fatto

Metteteli in una piastra rivestita da carta forno ed infornate a 180° per 15 minuti.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
calzone siciliano con prosciutto e mozzarella
precedente
Calzone con prosciutto e mozzarella
carpaccio di pesce spada
prossima
Carpaccio di pesce spada: il sushi siciliano

2 commenti Nascondi commenti

Ciao complimenti per le ricette, sopratutto la pasticceria mi fa fare un tuffo nel passato. Ho origini palermitane e adoro la Sicilia. Per i reginelle volevo chiederti se lo zafferano si può omettere. Grazie e ancora complimenti!!

Grazie Fra, lo puoi omettere tranquillamente. Gran parte dei panifici non lo usano per niente o usano solo un colorante chimico. Solo alcune pasticcerie utilizzano lo zafferano vero e proprio.

Aggiungi il tuo commento