0 0
Ricetta Pasta ‘ncasciata alla messinese

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
400 gr di rigatoni
250 gr di tritato di vitello
1 lt di salsa di pomodoro
100 gr di pecorino grattugiato
150 gr di caciocavallo fresco
1 uovo
1 cucchiaio di pangrattato
1 melanzana
2 uova Uova sode
100 gr di salame
1/2 bicchiere di vino bianco
1 ciuffo di prezzemolo
basilico
olio EVO
sale
pepe

Informazioni nutrizionali

9.9g
Proteine
9.4g
Grassi
15.8g
Carboidrati
2.2g
Zuccheri
1.2g
Fibra
190
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Ricetta Pasta ‘ncasciata alla messinese

Allergeni:
  • Anidride solforosa e solfiti
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Uova

La pasta 'ncasciata alla messinese nella sua versione più antica che prevede le polpettine alternarsi a strati di pasta. Un primo piatto da non lasciarsi scappare

  • 70 min.
  • 55 min.
  • 125 min.
  • Porzioni 4
  • Media

Ingredienti

Introduzione

Condividi

La pasta ‘ncasciata alla messinese è una ricetta tipica della provincia di Messina, più precisamente della città di Mistretta. L’etimologia del nome deriva dal particolare tipo di cottura utilizzata in passato. La pasta infatti, dopo essere stata amalgamata con tutti i numerosi ingredienti, veniva riversata in un capiente tegame di terracotta chiamato “u ncaįio” e ricoperto di brace ardente. Il sistema tentava di imitare la cottura nel forno a legna che non tutti potevano permettersi.

Pasta ‘ncasciata alla messinese: la ricetta più antica

Grazie al commissario Montalbano, il più amato dei personaggi creato dal sommo Andrea Camilleri, questa ricetta ha acquisito notorietà nazionale. Nei suoi romanzi è possibile trovare numerosi riferimenti alle generose teglie di Pasta ‘ncasciata preparate dalla “cammarera Adelina”.

pasta ncasciata alla messinese

La ricetta è molto ricca e adatta ai giorni di festa quando, una volta finito di mangiare, ci si può comodamente rilassare allentando la cintura. Naturalmente come spesso capita nella cucina siciliana, si sono succedute diverse varianti dalla ricetta originale che sembra prevedesse, oltre al classico tritato di manzo, anche fegatini e pollo. La pasta utilizzata era solitamente il maccheroncino anche se ormai è invalsa l’abitudine di sostituirla con penne rigate, rigatoni, o sedanini. Anche per il condimento c’è chi utilizza una semplice salsa di pomodoro, soluzione che non mi vede favorevole perché trovo che un buon ragù di carne non possa mancare in questo tipo di pietanza.  Ad esso sono poi aggiunte uova, salame, tocchetti di caciocavallo fresco, pecorino, aromi vari e le immancabili melanzane fritte. Dibattuta è la presenza dei piselli che trova infatti molti detrattori.

ricetta pasta ncasciata alla messinese

La versione che presento oggi, tuttavia, è quella che si richiama alla versione originaria che non annovera il ragù tra i suoi ingredienti. La ricetta più antica infatti prevedeva che ad uno strato di pasta se ne alternasse uno fatto di polpettine. E continuando così strato dopo strato fino ad esaurimento degli ingredienti con l’ultimo che deve essere di pasta e ricoperto di abbondante pecorino grattugiato. Come si intuisce è una preparazione piuttosto laboriosa che richiede del tempo e che richiama alla mente un altro grande classico come la Pasta alla Norma. In compenso con questo piatto, che è possibile considerare come piatto unico, eviterete di preparare anche il secondo

Fasi

1
Fatto

Pulite la melanzana, affettatela e mettetela a scolare in uno scolapasta con del sale grosso per circa 1 ora. Trascorso il tempo sciacquate le fette, tamponatele con un panno per togliere l'acqua residua e friggetele in olio caldo. Sgocciolatele e adagiatele su carta da cucina.

2
Fatto

Impastate il tritato con l'uovo, il prezzemolo tritato, 2 cucchiai di pecorino grattugiato e il pangrattato. Salate e pepate e formate delle piccole polpettine che andrete a rosolare in un tegamino con un filo d'olio. Bagnate con il vino, fate sfumare e versate una tazza di salsa. Lasciate cuocere per qualche minuto e spegnete.

3
Fatto

Lessate la pasta in acqua bollente salata; scolatela al dente e giratela con la restante salsa ed una parte di pecorino grattugiato.

4
Fatto

Versate uno strato di pasta in una teglia unta d'olio, proseguite con uno strato di polpettine, le fette di melanzane, il caciocavallo a tocchetti, le fette di salame, qualche fogliolina di basilico e le uova sode affettate.

5
Fatto

Continuate fino ad esaurimento degli ingredienti e facendo in modo che l'ultimo strato sia di pasta. Terminate con una manciata dii pecorino grattugiato e infornate a 200° per 35 minuti.

pate di carciofi
precedente
Paté di carciofi fatto in casa
polpette finocchietto e cipolla in agrodolce
prossima
Polpette di finocchietto con cipolla in agrodolce

Aggiungi il tuo commento