0 0
Ossa dei morti: croccanti biscotti siciliani

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
ingredienti per circa 25 pz.
500 gr di farina 00
500 gr di zucchero
125 gr di acqua
6 chiodi di garofano

Informazioni nutrizionali

4.9g
Proteine
0.3g
Grassi
80.8g
Carboidrati
47.2g
Zuccheri
0.9g
Fibre
325
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Ossa dei morti: croccanti biscotti siciliani

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine

E come per magia avviene la separazione dello zucchero dalla farina e avrete croccanti (la parte scura) e friabili (quella bianca) ossa dei morti...e sarete contenti di esserci riusciti

  • 20 min.
  • 25 min.
  • 45 min.
  • Porzioni 25
  • Media

Ingredienti

  • ingredienti per circa 25 pz.

Introduzione

Condividi

Le ossa dei morti sono dei dolci tipici che si consumano in Sicilia in occasione della ricorrenza del 2 Novembre, giorno dedicato alla commemorazione dei defunti.

Altrimenti conosciuti come moscardini o cruzziteddi hanno un aspetto originale e insolito contraddistinto dalla doppia colorazione, bianca/biancastra sopra e scura sotto. Questo risultato lo si ottiene attraverso la separazione dei due principali ingredienti che compongono il biscotto: farina e zucchero.

La ricetta delle ossa dei morti dolci

La loro realizzazione è al contempo semplice e complessa e per essi è richiesta anche una piccola dose di fortuna. L’esiguità del numero degli ingredienti necessari non deve far dimenticare che la pasticceria è fisica e chimica. Tralasciare un singolo passaggio o ritenerlo ininfluente è quello che determina il successo o il fallimento di una ricetta.

Gli ingredienti per le ossa dei morti sono solo 4: farina 00, zucchero, acqua e chiodi di garofano. Dopo aver mescolato assieme farina e acqua ponete la pentola sul fuoco, a fiamma media, unitamente ai chiodi di garofano fino a sfiorare l’ebollizione. In pratica all’apparire delle prime bolle allontanate la pentola dalla fiamma ed eliminate i chiodi.

Versate la farina all’interno della pentola e mescolate fino ad ottenere un composto liscio ma dalla consistenza densa e compatta. Essendo molto caldo è necessario farlo raffreddare per qualche minuto e per questo va versato su una placca cosparsa di farina.

Appena intiepidito lo si rovescia sul piano di lavoro cosparso pur’esso di farina e, con una spatola o un tarocco lo si lavora per ammorbidirlo. Se dovesse apparire appiccicoso asciugatelo con un altro po’ di farina. Realizzate dei filoncini spessi più o meno 3 cm, tagliateli trasversalmente con una lunghezza di circa 4 cm e metteteli a riposare per 2-3 giorni coperti con un panno. Mentre l’aria asciugherà la parte superiore, quella appoggiata si preserverà più umida: è proprio questo che consentirà la fuoriuscita dello zucchero conseguente al suo scioglimento.

Piccolo consiglio: il tempo di asciugatura dipende dalle condizioni atmosferiche. Nel mio caso è stato sufficiente poco meno di un giorno e mezzo. Controllate la parte a contatto con il piano, se notate che tende ad asciugarsi eccessivamente procedete con la cottura.

E per chiudere ecco alcuni dolci siciliani tipici del periodo dei morti: la mitica frutta martorana, gli ‘nZuddi, le Rame di Napoli, i Tetù e Teio e la Cotognata.

Fasi

1
Fatto

Prima di iniziare la preparazione delle ossa dei morti vera e propria spolverate con una manciata di farina una teglia che servirà per raffreddare l'impasto.

2
Fatto

Versate in una pentola lo zucchero, l'acqua e i chiodi garofano interi. Accendete il fuoco a fiamma media e mescolate.

3
Fatto

Spegnete non appena vedrete comparire le prime bolle ed allontanate la pentola dal fuoco. Rimuovete i chiodi di garofano, versate la farina nella pentola e mescolate energicamente fino a farla assorbire completamente. Otterrete un impasto molto compatto e denso. Non preoccupatevi della presenza di eventuali grumi: si scioglieranno successivamente durante la lavorazione manuale.

4
Fatto

Rovesciate la massa nella teglia precedentemente infarinata e lasciatela raffreddare 5 minuti cosicché si abbassi la temperatura e poterla lavorare. La patina che si formerà in superficie scomparirà a breve con l'impastamento.

5
Fatto

Spolverate un piano di lavoro con un po' di farina e rovesciatevi la massa intiepidita. Aiutatevi spalmando il composto con un tarocco. Se dovesse attaccarsi sul piano di lavoro spolveratelo con un pizzico di farina. A questo punto la pasta dovrebbe lavorarsi con facilità per cui realizzate dei salsicciotti di circa 3 cm di diametro.

6
Fatto

Fate dei segni superficiali sul filoncino utilizzando una spatola o il dorso di un coltello e ricavate le ossa di morto con una lunghezza di 4 cm circa. Tradizionalmente queste vanno tagliate in maniera trasversale.

7
Fatto

Riponete i biscotti su un piano coperto da carta forno ad asciugare per 2-3 giorni e coprite con una canovaccio. In questo tempo la parte esterna, più a contatto con l'aria, si asciugherà assumendo una colorazione biancastra mentre la parte inferiore, che poggia sulla base, rimarrà più umida e scura.

8
Fatto

Disponete i biscotti su una placca con carta forno e infornate a 170° per 20-25 minuti; questo è stato il tempo necessario nel mio forno per permettere allo zucchero contenuto nei dolcetti di sciogliersi, separarsi, riversarsi all'esterno e caramellare assumendo la classica colorazione più scura. Parte scura che avrà una consistenza dura e croccante in contrasto con la parte superiore di colore biancastro e dalla consistenza friabile. Non appena terminata la cottura sfornate le ossa di morto e lasciatele raffreddare prima di servire.

Rosaria

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
seppioline fritte
precedente
Seppioline fritte: consigli per una cottura perfetta
pasta con bottarga di tonno rosso
prossima
Spaghetti con bottarga di tonno

Aggiungi il tuo commento