0 0
Iris fritta con ricotta

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
Per l'impasto:
500 gr di farina 00
50 gr di zucchero
50 gr di strutto
10 gr di sale
20 gr di lievito di birra
220 ml di acqua
Per la farcitura:
400 gr di ricotta di pecora
200 gr di zucchero
80 gr di goccine di cioccolato fondente
Per la panatura:
2 uova
qb pangrattato
1 pizzico di sale
qb olio per friggere

Informazioni nutrizionali

6.4g
Proteine
17.8g
Grassi
37.3g
Carboidrati
14.3g
Zuccheri
0.9g
Fibra
331
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Iris fritta con ricotta

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Uova

L'iris è un caposaldo della pasticceria siciliana e palermitana in particolare che sembra sia nata per celebrare il capolavoro di Pietro Mascagni

  • 180 min.
  • 6 min.
  • 186 min.
  • Porzioni 6
  • Difficile

Ingredienti

  • Per l'impasto:

  • Per la farcitura:

  • Per la panatura:

Introduzione

Condividi

Sembra che la nascita dell’iris fritta con ricotta risalga al lontano 1901. A Palermo quell’anno venne messa in scena la prima dell’opera di  Pietro Mascagni (Iris) e per celebrare l’evento il pasticcere palermitano Antonio Lo Verso diede vita alla sua ultima creazione. E’ così che nasce l’Iris, un soffice e morbido scrigno di pasta brioche ripieno di crema di ricotta e scaglie di cioccolato. Il successo dell’opera teatrale fece da volano per l’altrettanto grande successo della leccornia inventata da Lo Verso. L’Iris piacque così tanto ai palermitani da convincere il proprietario a cambiare il nome del proprio locale chiamandolo , appunto, Iris.

iris fritta dolci siciliani

L’Iris è uno dei dolci più presenti nella colazione di ogni palermitano DOC.  Come detto si tratta di una morbida pasta brioche fritta al cui interno troviamo un ripieno di morbida ricotta e scaglie di cioccolato. Il tutto è racchiuso da una panatura croccante e leggermente granulosa. Per chi pensi che un “pezzo” fritto di oltre 200 grammi sia leggermente pesante per iniziare la giornata può optare per la versione al forno. Il modo migliore per gustare questa bontà è di mangiarla leggermente tiepida così da conferire al ripieno una delicata morbidezza. Se vi trovate a passare da Palermo, mi raccomando, non perdete l’occasione di assaggiare uno dei dolci più goduriosi di tutta la pasticceria siciliana.

Fasi

1
Fatto

Per la preparazione della farcitura delle iris si inizia il giorno prima con la lavorazione della ricotta. Mettete la ricotta in un colapasta e schiacciatela grossolanamente perché rilasci il siero per almeno un paio d'ore.

2
Fatto

Mettete la ricotta in una terrina e aggiungete lo zucchero; con l'aiuto di una marisa mischiatela energicamente e riponetela in frigo per una notte.

3
Fatto

Il giorno dopo passatela nel setaccio, incorporate le goccine di cioccolato, mescolate e lasciate riposare.

4
Fatto

Per la preparazione della pasta in una ciotola amalgamate la farina setacciata, lo zucchero, il sale e lo strutto.

5
Fatto

Incorporate il lievito di birra sciolto in poca acqua tiepida e impastate versando la restante acqua poco alla volta fino a ottenere un impasto morbido e omogeneo. Coprite l’impasto con un panno e lasciate lievitare per un paio d’ore.

6
Fatto

Dopo tale tempo formate delle palline e lasciatele lievitare nuovamente per almeno 1 ora.

7
Fatto

Con un po' di farina spolverate una spianatoia, prendete le palline di pasta e, con un mattarello, realizzate dei dischetti di circa 10 cm e uno spessore di 1/2 cm.

8
Fatto

Riponetele in una teglia ricoperta da carta forno e adagiatevi un cucchiaio di ricotta.

9
Fatto

A questo punto chiudete l'iris a mo' di sacchetto facendo combaciare per bene tutti i bordi.

10
Fatto

Se dovesse risultare un eccesso di pasta eliminatela e adagiate le iris dal lato della chiusura, schiacciandole leggermente e delicatamente. Lasciate riposare per un'altra ora.

11
Fatto

Procuratevi due ciotole, in una battete le uova aggiungendo un pizzico di sale; nell'altra versate il pangrattato.

12
Fatto

Passate le iris nell’uovo e nel pangrattato.

13
Fatto

In un pentolino dai bordi alti mettete abbondante olio per friggere e, quando la temperatura avrà raggiunto i 170° circa (usate un termometro da cucina se l'avete altrimenti inserite il manico di un cucchiaio di legno nell'olio e se questo crea delle bollicine significa che la temperatura è corretta) immergetevi l'iris.

14
Fatto

Appena risulta ben dorata da un lato giratela dall'altro per avere una cottura omogenea e facendo attenzione che non si colori troppo rapidamente; rischierebbero di bruciarsi all'esterno ma rimanere crude internamente.

15
Fatto

Il modo ideale per gustarle è appena tiepide perché la ricotta sia morbida al punto giusto.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
sarde beccafico
precedente
Sarde a beccafico
granita di limone
prossima
Granita al limone

Aggiungi il tuo commento