0 0
Ricetta Genovesi – dolci tipici siciliani

Condividilo sui social:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
Per la pasta frolla:
500 gr di farina di rimacinato di grano duro
500 gr di farina 00
350 gr di burro
350 gr di zucchero
1 bustina di lievito per dolci
2 uova
1 bustina di vaniglia
qb latte
Per farcire:
1 lt di latte
250 gr di zucchero semolato
80 gr di amido di mais
1 busta di vaniglia
4 tuorli
1 scorza grattugiata di limone
Per guarnire:
qb zucchero a velo

Informazioni nutrizionali

5.2g
Proteine
10.5g
Grassi
43.1g
Carboidrati
21.6g
Zuccheri
0.4g
Fibra
277
Kcal

Aggiungi la ricetta ai Preferiti

Devi accedere o registrarti per aggiungere la ricetta ai preferiti.

Ricetta Genovesi – dolci tipici siciliani

Allergeni:
  • Cereali contenenti glutine
  • Latte e derivati
  • Uova

Una morbida e profumata pasta frolla farcita con crema pasticcera o ricotta e rifinita da una spolverata di zucchero a velo

  • 120 min.
  • 8 min.
  • 128 min.
  • Porzioni 0
  • Difficile

Ingredienti

  • Per la pasta frolla:

  • Per farcire:

  • Per guarnire:

Introduzione

Condividi

Le genovesi sono dolci dalla forma a collinetta composti da una sottile pasta frolla dalla croccantezza appena accennata, ripieni di crema pasticcera (o ricotta) e ricoperti da uno strato di zucchero a velo.

L’origine del nome è oggetto di dibattito ma la versione più accreditata ipotizza un collegamento con la forma del copricapo dei marinai genovesi che, agli inizi del secolo scorso, erano abituali frequentatori del trapanese grazie ai notevoli rapporti commerciali fra Genova e Trapani.

Famose sono le genovesi di Erice di Maria Grammatico che, dopo un’esperienza in convento di 15 anni durante i quali apprende l’arte pasticcera delle suore, decide di mettere a frutto l’esperienza acquisita.

dolci genovesi siciliane

Come gustare le genovesi

Le genovesi sono presenti in diverse parti dell’isola ma, come spesso capita per altre specialità dall’aspetto esteriore simile, differiscono per il ripieno. Nel palermitano la pasta frolla può contenere una farcia di crema gialla o di crema di ricotta. Nella zona di Catania, dove famosi sono i panzerotti catanesi, prevale la crema di latte o quella a base di cioccolato.

Per gustarle al meglio, evitando un’ustione di primo grado e godere della croccantezza della pasta frolla, è necessario lasciarle raffreddare dopo averle sfornate. Questo darà anche modo alla crema di rassodarsi fino al giusto grado di compattezza e morbidezza. Consumatele al massimo nell’arco di un paio di giorni, attendere oltre significherebbe addentare una pasta frolla meno friabile e molliccia e un ripieno eccessivamente asciutto.

Nota: questa ricetta è stata pubblicata a Marzo 2017 e aggiornata a Luglio 2020

Fasi

1
Fatto

Per la pasta frolla:

Su una spianatoia versate la farina con lo zucchero, lo strutto (o il burro), le uova, la vaniglia ed il lievito.

2
Fatto

Amalgamate bene gli ingredienti che saranno uniti dall’aggiunta di latte in quantità tale da ottenere una pasta omogenea, liscia e compatta. Formate una massa che avvolgerete con la pellicola trasparente e mettetela in frigo per almeno un’ora.

3
Fatto

Per la crema pasticcera:

Preparate la crema dividendo a metà il latte in un pentolino ed in una ciotola.

4
Fatto

Nella ciotola versate i tuorli, lo zucchero, la vaniglia e l’amido avendo cura di girare bene con una frusta per evitare che si formino grumi.

5
Fatto

Mettete sul fuoco il pentolino con l’altra metà del latte e la buccia del limone e, quando starà per bollire, versate il composto della ciotola.

6
Fatto

Girate con la frusta ininterrottamente e, quando la crema sarà rappresa, toglietela dal fuoco e versatela in una terrina che coprirete a filo con della carta trasparente per evitare che si indurisca.

7
Fatto

Assemblaggio delle Genovesi:

Tirare una sfoglia dallo spessore di 3 - 4 mm e ritagliate, aiutandovi con un coppa pasta, due dischi: una del diametro di circa 10-11 cm. e l’altra qualche cm più grande.

8
Fatto

Disponete i dischetti più piccoli su un piano e ponete due cucchiai colmi di crema su ognuno di essi.

9
Fatto

Spennellate i bordi dei dischetti con l’albume e sovrapponetevi i dischetti più grandi, facendoli aderire per bene.

10
Fatto

Sigillate bene i bordi ed infine ritagliatele con un coppa pasta dentellato assicurandovi che non fuoriesca la crema. Lasciatele riposare per una notte nel frigorifero.

11
Fatto

Il giorno dopo disponetele su una teglia foderata con carta da forno e mettete in forno a 200° per circa 8/10 minuti fino a doratura.

12
Fatto

Fate raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo.

SnE85Xz

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta. Scrivi la tua recensione!
stimpirata condimento tipico siciliano
precedente
Stimpirata: condimento siciliano
treccine dolci con lo zucchero
prossima
Treccine siciliane dolci con lo zucchero

Aggiungi il tuo commento